Sogno/10

SOGNO 10

“Sono in ufficio, il mio capo mi dice che ho sbagliato ma non capisco il contesto. Allora lui mi dice che devo farmi suggerire un buon metodo di lavoro dalla collega M, ma io – pur dicendogli di sì per farmi lasciare in pace – non hointenzione di rivolgermi a M, oppure lo farò proforma, perché M non gode della mia stima, è troppo bambolina, sempre sorridente e giuliva, con tanto di foto dei figli in bella mostra sulla scrivania.” 

La sognatrice, donna forte, decisa, molto autocentrata, dice di sé che il suo modello è il padre, a suo tempo capace, da piccolo artigiano, di impiantare una piccola media azienda con buon successo. Lei unica femmina, con altri tre fratelli, deve/vuole disporre di autonomia sul lavoro, vuole essere riconosciuta e ascoltata, diffida delle donne che definisce in modo dispregiativo “troppo gné gné”. Nel sogno il capo, uomo che definisce un po’ debole ma preparato, le chiede di farsi aiutare da una collega rappresentante del femminile.

Lei donna-maschio, che lascia fin troppo spazio all’archetipo dell’ANIMUS (ovvero la parte maschile della donna), fatica ad accogliere ciò che le servirebbe, ovvero incrementare, valutare la parte femminile della psiche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: