Sogno/6

“È buio, guardo il mio psicologo: è in compagnia di una persona e sembra stiano facendo una seduta spiritica. Una ragazza, una fedelissima dello psicologo, mi accompagna fuori.

Passiamo su alcuni sassi un po’ aguzzi, sconnessi, poi dobbiamo abbassare la testa per riuscire a passare sotto una trave di cemento.

Subito dopo, una parete fatta di libri che dobbiamo scavalcare con attenzione perché i libri sono in equilibrio tra loro.

Riesco a passare senza far cadere nulla

In fondo alla stanza un water e riesco a fare pipì.”

In questo sogno si affronta un aspetto del lavoro psicoanalitico che, forse in un determinato momento, è stato vissuto come un poco “magico”, come se la risposta a problemi della sognatrice potessero risolversi “per magia”. La ragazza ignota che pare stia facendo la seduta spiritica altro non è che un alter-ego della sognatrice.

Ma presto arriva l’indicazione del mondo interno.

Nulla accade per magia, occorre un percorso, a volte non facile, passando su pietre aguzze, a volte bisogna “piegare la testa”, abbassare la parte razionale e cosciente per lasciare spazio al profondo, e occorre anche superare un muro di libri, la conoscenza, per poter accedere a qualcosa di più autenticamente nostro e profondo.

Solo allora riusciamo a… fare pipì, ovvero a scaricare le scorie inutili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: